LA GENERAZIONE VINCENTE NAPOLI BASKET NON COMPLETA LA RIMONTA, VENEZIA VINCE 90-97. MILICIC: “FIERO DELLA SQUADRA E DEI NOSTRI TIFOSI!”

La Generazione Vincente Napoli Basket al termine di una gara nervosa e combattuta, non riesce nell’impresa di completare la rimonta e viene superata dalla Reyer Venezia con il punteggio di 90-97. La squadra di Milicic gioca una partita di grande intensità, ma priva nel finale di Owens espulso nel terzo quarto, cede a Venezia di misura.

Parte forte la Gevi Napoli che piazza subito un parziale 8-2 e costringe dopo 2 minuti Venezia a chiamare time out. La Reyer reagisce immediatamente, e con un parziale di 2-10 effettua il sorpasso sul punteggio di 10-12. Prende il largo nel finale di tempo Venezia che si porta a più 8 a 100 secondi dalla fine del primo periodo 14-22 costringendo Milicic al time out. Il primo tempo si chiude sul 14-24.

In apertura del secondo periodo Pullen realizza la prima bomba della partita della Gevi, e prova a ricucire lo svantaggio con due liberi che portano gli azzurri a meno 6 sul 23-29. Pullen è scatenato, e con la seconda bomba porta gli azzurri grazie alla schiacciata di Zubcic a meno 1 sul 30-31. Owens con un gioco da tre punti firma il contro sorpasso 33-31. La Reyer Venezia reagisce immediatamente, e con un parziale di 0-8 si riporta avanti 33-39 a metà periodo. Il finale di tempo è tutto per Venezia che ritrovata la fiducia allunga a più 14 sul 35-49. Ennis prova a contenere lo svantaggio, ma la Reyer da tre non sbaglia nulla. All’intervallo Iungo il punteggio vede Venezia avanti 42-54.

La bomba di Brown in avvio del terzo tempo consente alla Gevi di portarsi a meno 10 sul 48-58. La partita si innervosisce  Dopo aver commesso fallo tecnico Owens viene anche espulso. Gli arbitri fischiano tecnico anche ad Ennis, ed a Simms. Intanto Venezia si riporta a metà tempo avanti di 14 lunghezze sul 53-67. Ennis prova a tenere a galla la Gevi. La partita continua ad essere molto nervosa, e la Reyer gestisce il vantaggio nel finale del terzo periodo che si chiude sul punteggio di 62-79.

Nell’ultima frazione di gioco un sussulto della Gevi con le bombe di Brown ed Ennis riporta gli azzurri dopo tre minuti a meno 9 sul 74-83. Pullen con un’altra bomba fa esplodere la Fruit Village Arena e riporta la Gevi a meno 6 a metà tempo sul 79-85. La squadra di Milicic ci crede e con Zubcic si porta a meno 4 a tre minuti dalla fine sul 83-87. Venezia resiste al ritorno di Napoli, e reagisce riportandosi a più 7 a due minuti dalla sirena finale. Il punteggio finale recita 90-97 per Venezia.

Tabellino:
Pullen 25, Ennis 20, Zubcic 8, Owens 10, Sokolowski 10, Lever 2, Mabor, De Nicolao 6, Brown 9, Ebeling n.e, Bamba n.e. Sinagra n.e.

Dichiarazione di Coach Igor Milicic:
“Questa è un’altra gara difficile da descrivere. Sono fiero dei nostri tifosi e dei nostri giocatori per l’energia e la lotta che hanno messo in questa partita, motivo per il quale i tifosi ci hanno apprezzato con l’applauso finale. Dovevamo essere più furbi ed intelligenti in alcune situazioni della partita, ma tutto sommato abbiamo segnato 90 punti, nonostante il 20% da tre. È stata una partita in cui non c’è stato il controllo della gara. Il controllo della gara è nelle mani degli arbitri, e stasera è completamente mancato. Alla fine ci sono stati dei comportamenti che reputo fortemente antisportivi da parte di un giocatore che ha segnato 7 punti e con 5 rimbalzi, e si è lasciato andare a dei gesti molto offensivi ed antisportivi. Credo che questo debba essere penalizzato, quantomeno rivisto dalla Lega, non può succedere in Serie A perché sono comportamenti che rischiano di provocare ulteriori nervosismi e tensioni in campo.

Noi dobbiamo dare il nostro meglio per tornare in fretta e provare a vincere ogni gara che resta davanti a noi. Sono successe tante cose questa sera, ma noi vogliamo e non cerchiamo scuse. Noi dobbiamo analizzare cosa possiamo cambiare per fare meglio, stasera abbiamo preso tantissimi tiri aperti nel primo tempo ma non sono entrati, forse per il troppo desiderio di vincerla. I giocatori vogliono fare canestro, soprattutto se tirano con i piedi a terra ma possono sbagliare. Abbiamo tirato con il 20% da tre, magari durante l’anno abbiamo tirato con percentuali migliori ma con dei tiri forzati, questa è un po’ la nostra pallacanestro ma sono contento di questi tiri con più spazio e piedi per terra, perché vuol dire che ci stiamo passando la palla meglio. Ora dobbiamo trovare il modo per continuare ad allenarci forte, insieme, assemblarci sotto tutti i punti di vista e finire forte la stagione.

Dichiarazione di Pedro Llompart, Responsabile Area Tecnica Sportiva:
“Partita difficile, così come è anche difficile definirla questa gara. Abbiamo lottato, messo tanto cuore sul campo. Abbiamo avuto la sfortuna di non realizzare alcuni tiri aperti, ma la squadra ha dato tutto sul campo. Continueremo a lottare cercando la nostra migliore forma e la vittoria. E’ stata lo ribadisco una partita molto difficile, con poca pallacanestro giocata e tante interruzioni. Complimenti a Venezia, ma noi dobbiamo continuare a lavorare a testa alta e pensare alla prossima partita ”

La Generazione Vincente Napoli Basket tornerà in campo domenica prossima 7 aprile giocando in trasferta contro la Pallacanestro Varese alle ore 16:30 per l’undicesima giornata del girone di ritorno.

Ultime News

La S.S. Napoli Basket rende noto di aver risolto consensualmente...

La S.S. Napoli Basket, con il responsabile dell’area tecnica Pedro...

È partita l’avventura azzurra dell’Amministratore Delegato Alessandro Dalla Salda e...

La Nazionale Italiana Under 17, guidata da Giuseppe Mangone e...

Grande risultato della Nazionale Under 17 che domani alle ore...

La Generazione Vincente Napoli Basket comunica che il Dott. Prof....