Nell'apposita sezione "Foto" del nostro portale www.campaniabasket.it, abbiamo pubblicato le foto del servizio fotografico effettuato durante la gara del:

1^ Cisia Cup

12° Memorial Andrea Fusco

Finale 7^ - 8^ Posto

 Olimpia Capri - Panthers Roseto 28-38 

 

Cercola 27/30 dicembre 2017

Palazzetto - Viale Dei Platani 4  CERCOLA (NA)

UNA GRANDE SACES MAPEI GIVOVA SFIORA L’IMPRESA A SCHIO

Ancora senza Bone, una grande Saces Mapei Givova mette paura ma non riesce nell’impresa di espugnare il PalaRomare al cospetto di un Famila che ha dimostrato di meritare ampiamente il primato in classifica in questa Gu2to Cup. La Dike paga sin dalle battute iniziali il dominio sotto i tabelloni di Yacoubou prima e Miyem dopo, ed il 16-5 dopo i primi cinque minuti arriva proprio grazie a delle buone iniziative nel pitturato. Il margine di vantaggio per le padrone di casa si mantiene pressoché costante: nonostante Harmon provi a prendere per mano le proprie compagne, il Famila si aggrappa alle triple di Anderson e Tagliamento per chiudere il primo parziale di tempo con un comodo 27-17. La Saces Mapei Givova inizia il secondo quarto con la tripla di Harmon (27-20): peccato però che non riesca a dare continuità al proprio attacco, subendo invece un tremendo break dai canestri oltre la linea di Dotto che scava un divario terribile nel punteggio (38-20 al 14’). E’ sempre Dotto a scrivere il massimo vantaggio interno al 18’ (44-25), prima che due canestri di Pastore ed una tripla di Harmon nell’ultima azione, stabiliscano il rientro negli spogliatoi sul 46-30. La prima parte del terzo quarto è ancora di marca Famila che con Miyem sembra chiudere l’incontro già al 25’ (56-38): poi, è show Saces Mapei Givova! E’ Pastore il motore di una rimonta incredibile: quattro minuti di basket spettacolo producono un 15-2 in cui è una scatenata Gemelos a contendere al capitano i riflettori. Miyem sigla sul finale il 62-56 con cui si chiude il tempo, dando fiducia all’attacco completamente imbrigliato di Vincent. Ultimi dieci minuti pieni di tensione per le due squadre, tanto che dopo 5’ il punteggio è rimasto praticamente fermo: 64-58. Gemelos, sempre lei, inventa prima il canestro del -4 (64-60) e poi quello del -3 (66-63). La partita è definitivamente riaperta visto che mancano ancora tre lunghissimi minuti: a questo punto la differenza tra le due squadre la fa le giocate di Yacoubou. Il centro di casa mette dentro l’intero parziale di 8-0 che chiude l’incontro, regalando comunque alla Saces Mapei Givova le conferme che le servivano. Finisce 77-65 con Yacoubou (25) da una parte e Gemelos (22) dall’altra, migliori realizzatrici dell’incontro.

I tabellini.Saces Mapei Givova: Di Battista ne, Cinili 10, Pastore 12, Carta, Diene, Chesta, Harmon 15, Dacic 6, Gemelos 22, De Cassan ne. Famila Schio: Yacoubou 25, Gatti 2, Miyem 6, Tagliamento 7, Anderson 17, Masciadri 5, Zandalasini ne, Ngo Ndjock, Dotto 11, Macchi 4.


Ufficio Stampa e Comunicazione
SACES MAPEI GIVOVA DIKE BASKET NAPOLI SSD ARL
Via Argine Nord,927 – 80147 Napoli NA
Tel: +39 0815619232
Fax: +39 0815619232
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

Sconfitta casalinga per la Treofan Battipaglia contro la Pall. Femm. Broni 93


Sconfitta casalinga per la Treofan Battipaglia che si arrende per 65-71 alla Pall. Femm. Broni 93. In un PalaZauli gremito per l’occasione le Ladies combattono fino all’ultimo minuto in una gara sempre in bilico prima di cedere alla maggiore esperienza delle ospiti.

Nel primo tempo a regnare è l’equilibrio, la squadra ospite parte subito bene portandosi sul 4-0 ma la Treofan Battipaglia trova, grazie a Davis e Miletic, il sorpasso dopo soli 3 minuti. Broni si riporta avanti ma solo momentaneamente, Andrè entra improvvisamente in partita e mette a segno 5 punti che portano Battipaglia sul +2, prima del pari di Gatti allo scadere della prima frazione di gioco.

Nel secondo quarto la squadra di coach Bochicchio parte fortissimo e nei primi 2 minuti di gioco riesce a portare il risultato sul 23-18 grazie a Davis ed Andrè. Alla tripla dell’ex Valentina Bonasia risponde il capitano Marida Orazzo, prima che Wojta e Premasunac riescano a portare il risultato in bilico a pochi istanti dalla fine del primo tempo. È proprio allo scadere della seconda frazione di gioco che Battipaglia trova il +3 grazie ad una tripla della numero 5 Clara Chicchisiola.

Nel secondo tempo PFBroni parte subito forte e trova il sorpasso con Premasunac ed una tripla di Ravelli. Le Ladies non ci stanno e trovano prima il pari grazie ai tiri liberi del capitano Orazzo e poi il sorpasso grazie a Jori Davis. Nella seconda parte della terza frazione di gioco la squadra ospite mette in campo tutto il suo talento e riesce a trovare con facilità la via del canestro, portandosi nel giro di pochi minuti in vantaggio di 7 punti. La squadra di coach Bochicchio ha cuore e grazie ai tanti tiri liberi concessi da Broni riesce a rimanere in partita. Saranno proprio i 4 punti consecutivi di Davis dalla linea della carità a portare il risultato sul 47-50.

Nell’ultimo quarto la Treofan Battipaglia mette in campo tutte le sue energie e trova addirittura il sorpasso grazie a Lea Miletic. L’esperienza della squadra di coach Sacchi è però superiore e la squadra ospite riesce sempre a portarsi avanti, spesso grazie al talento della numero 10 Wojta. Le Ladies però non demordono e grazie a Chicchisiola e alla tripla di Miletic si portano sul -2. Sarà proprio Wojta a decidere l’incontro quando, a poco più di un minuto dal termine, subirà un fallo dopo aver realizzato il canestro del +4. Negli ultimi secondi le Ladies proveranno a ricucire lo strappo che rimarrà però invariato.

Treofan Battipaglia – Pall. Femm. Broni 93 65-71

Treofan: Orazzo 9, Chicchisiola 5, Miletic 13, Trimboli 1, Andrè 14, Davis 19, Cremona ne, Sasso ne, Vella, Policari 4, Mattera, De Rosa ne . All. Bochicchio

PFBroni93: Moroni, Wojta 26, Ravelli 6, Bonasia 5, Castello 2, Premasunac 8, Fusari ne, Gatti 16, Pavia, Van Grinsven 8. All. Sacchi


Battipaglia, 15-01-2018

Responsabile Comunicazione

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

 

 

 

 

Paolo Maggio

Givova Ladies insuperabile al PalaMangano. Cercola ko e primato in classifica solitario

Prestazione di sostanza per le scafatesi. Iozzino top scorer con 14 punti. Ottaviano: “Gara preparata con tranquillità, ascoltando musica”

La Givova Ladies Scafati si conferma imbattibile al PalaMangano. Il quintetto di coach Ottaviano supera 45-33 il Sorriso Azzurro Cercola con una prestazione di sostanza, conquistando il primato solitario in classifica.

Inizio di partita con le polveri bagnate da ambo le parti. Le giocatrici avvertono oltremodo la posta in palio e così il punteggio ne risente (2-2 con 3’12’’ sul cronometro). Poi sul finire è Esposito a creare un minimo di separazione (2-8). Nei secondi dieci giri di lancetta Scafati riesce a trovare un po’ di ritmo e con un gioco da tre punti di Scibelli raggiunge la parità (11-11). Poi sono Iozzino e Čičić a portare per la prima volta avanti le padrone di casa (18-11). Cercola non reagisce e viene così punita da Busiello e Porcu con due bombe dai 6,75 (24-13).E’ infine ancora una caldissima Iozzino dalla lunga distanza a mandare le due squadre negli spogliatoi sul 27-15.

Alla ripresa delle ostilità il ritmo torna ad abbassarsi. Scafati si mantiene a distanza di sicurezza dalle vesuviane, che hanno il canestro tappato. Così Negri e Iozzino permettono alle locali di andare all’ultimo riposo sul 34-24. Il quarto periodo è solo pura accademia per la Givova Ladies, che conferma la propria superiorità sul parquet.

Questo il commento a caldo di coach Nicola Ottaviano. “Grande spirito e sacrificio di squadra. E’ stata una gara strana nella quale il primo quarto è stato dominato dalla difesa e dai tiri sbagliati. Poi dopo per fortuna siamo riusciti a trovare il fondo della retina. Abbiamo lavorato a questa sfida con molta tranquillità. Lo staff non ha fatto quasi mai fatto cenno del ‘peso’, che poteva avere. Anzi per far rilassare ancora di più le atlete ci siamo allenati con la musica, il che ha creato un clima disteso e scherzoso nel quale si è lavorato nel migliore dei modi. Complimenti alle ragazze”.

Givova Ladies Scafati-Sorriso Azzurro Cercola 45-33

Givova Ladies Scafati: Sicignano n.e., Iozzino 14, Busiello 7, Porcu 5, Sapienza n.e., Ottaviani, Serra n.e., Scibelli 5, Negri 7, Baglieri n.e., Falanga, Čičić 7. All. Ottaviano

Sorriso Azzurro Cercola: D’Avolio 2, Romano 2, Persico n.e., Scarpati n.e., Popolo 7, Mitongu Ntumba 6, Margio, Mattera, Gemini 4, Fedele 5, Esposito 7. All. Patrizio

Arbitri: D’Aiello e Ricci di Caserta

Parziali: 2-8, 27-15, 34-24

UFFICIO STAMPA

FREE BASKETBALL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

Il Basket Ruggi Salerno cade sul campo dell’Olimpia Capri

SALERNO.  Dura troppo poco l’equilibrio della gara contro l’Olimpia Capri: il finale su terra isolana è in favore delle padroni di casa 77-54.

Eppure le ragazze di coach Pignata partono con il piglio giusto, trovando buone soluzioni offensive e limitando le bocche di fuoco avversarie. Tutto ciò dura però solo pochi minuti perché Vian e Iuliano, 52 punti in due, trovano una vasca al posto del canestro. D’altro canto le viaggianti, frutto di un arbitraggio lacunoso e di diverse amnesie difensive, si trovano in svantaggio al termine dei dieci minuti 19-11, gap che aumenta all’intervallo lungo quando si è sul 47-32.

Alla ripresa delle ostilità le rosso-blu entrano in campo con una faccia diversa e provano a cambiare l’inerzia della gara riuscendo a recuperare diversi palloni concretizzati con facili appoggi in contropiede, ma è sempre la coppia Vian-Iuliano a bloccare ogni tentativo di rimonta delle salernitane; al trentesimo il punteggio è sul 59-43. Nell’ultimo quarto di gioco cala definitivamente il sipario.

Olimpia Capri – Basket Ruggi Salerno 77-54 (19-11, 28-21, 12-11, 18-11)
Tabellini: Di Pace 10, Martines 20, Fumo 1, Scarpato 9, Germano 2, Codispoti 1, Opacic, Patanè 6, Montiani 5, Panteva, De Feo n.e. Coach Pignata

Ufficio Stampa Basket Ruggi Salerno

.

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

Vittoria ad Ariano alla prima del 2018, Salerno raggiunge Cercola al secondo posto

Coach Dello Iacono: “Tanti errori offensivi ma applicazione difensiva ok. Ora testa allo Stabia”

 

Due punti importanti per il Salerno Basket ’92 al termine di una partita che avrebbe potuto riservare meno patemi. Le granatine s’impongono 40-57 sul campo della cenerentola Farmacie del Tricolle Ariano Irpino. Non senza soffrire oltremodo, soprattutto nella parte centrale del match. Il successo consente di agganciare Cercola al secondo posto con 14 punti (Scafati è prima con 16) e tenere a distanza Sorrento (12).

La partita. Dello Iacono rinuncia inizialmente all’acciaccata Ceccardi, c’è Fontana nello starting five. De Mitri dà il via alle danze con una penetrazione centrale, poi orchestra contropiede e assist sotto le plance ad Assentato che mette dentro i liberi del +10 dopo i primi 3’ (2-12). Ancora De Mitri da fuori, la sua tripla vale il 4-15 a metà quarto. Poi, l’involuzione. Spazio a Galdi per Ingrassia (2 falli iniziali che comprometteranno il suo minutaggio), Ariano cerca di restare in partita con le realizzazioni di Frascolla, Ilaria Cifaldi (da tre) e Cossa, portandosi sul -4 al primo intervallo (13-17). Troppa superficialità per Salerno. Al rientro Assentato prova a scuotere le sue, Fontana contribuisce col +8 a metà quarto (17-25) in cui si sbaglia molto su ambo i fronti. Decisamente imprecise le giocate delle over Ingrassia e Melin, ancora da registrare l’inserimento di Manolova. Salerno soffre, ringrazia le avversarie per l’imprecisione dalla lunetta e all’intervallo lungo mantiene lo scarto dei primi 10’ (23-27). Coach Dello Iacono urla nello spogliatoio. Dentro, Salerno ci lascia ancora per un po’ la determinazione (un solo punto a testa in 2’). Scocca l’ora di Ceccardi: con una caviglia malandata, la lunga contribuisce a sciogliere le giocate ospiti. De Mitri si sblocca, l’impatto sul match di Giulivo è positivo e a metà terzo periodo Salerno cerca l’allungo e trova ampio respiro. Ariano risponde blandamente ma dimostra di essere viva sulla sirena con la tripla di Cossa che fissa il terzo parziale sul 35-50. Nell’ultimo periodo il 2-1 in 6’ non fa riconciliare con la pallacanestro. Assentato e la bomba di De Mitri a 2’ dal termine riaccendono l’incontro (38-56). Replica Cossa ma c’è poco tempo: Salerno vince 40-57.

“Era difficile giocare su questo campo. Ariano ha due giocatrici di grande talento offensivo e, benchè ci fossimo preparati a contenerle, nel piano partita sono venute fuori delle variabili dipendenti legate a infortuni e falli che ci hanno messo in difficoltà – commenta Dello Iacono – Abbiamo tenuto botta con grande applicazione difensiva, aspetto per cui sono maggiormente entusiasta. Purtroppo abbiamo commesso tanti errori offensivi, sia al tiro dal perimetro che dentro l’area. E poi un alto numero di palle perse ha caratterizzato in negativo la prestazione offensiva. Bisogna lavorare, le ragazze devono capire che hanno ancora oltre il 50% del proprio potenziale da mettere al servizio della squadra. Non possiamo che migliorare, ora testa all’importante match casalingo contro Stabia”.

 

TABELLINO  -  LE FARMACIE DEL TRICOLLE ARIANO IRPINO-SALERNO BASKET 40-57 (13-17; 23-27; 35-50)

ARIANO IRPINO: Frascolla 5, B. Cifaldi, I. Cifaldi 5, Cossa 20, D’Agostino, Laterza, Maraia, Ndiaye, Buglione 2, Lavita, D’Avanzo 8. All: Paparo.

SALERNO: Ingrassia 10, De Mitri 26, Galdi, Arase ne, Ceccardi, Esposito, Fontana 2, Assentato 15, Giulivo 3, Ledda, Manolova 1, Melin. All: Dello Iacono.

Arbitri: Marco Cerullo di Marano (NA) e Giancarlo Di Marsilio di Napoli 

NOTE. Uscita Ingrassia (S) per 5 falli a 1’ dalla fine.

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

La Renzullo LARS Virtus Arechi Salerno batte la Dyamic Venafro in rimonta (71-70) e prosegue la marcia

Senza Leggio la squadra di coach Paternoster non gioca una gran partita ma conquista i 2 punti

 

La Renzullo LARS Virtus Arechi Salerno fa 13. Tante sono le vittorie ottenute fin qui nel campionato di Serie B Old Wild West dalla squadra del presidente Nello Renzullo che, obiettivamente, non gioca la sua miglior partita ma riesce comunque a conquistare l’intera posta in palio al cospetto di una determinatissima Dynamic Venafro. I molisani scappano a più riprese e arrivano a conquistare anche 11 lunghezze di vantaggio a pochi minuti dal termine. A quel punto una rischiosa scelta tattica di coach Paternoster e il gran cuore (oltre al talento) dei giocatori salernitani permettono alla squadra di casa di vincere in rimonta. 71-70 il punteggio della gara andata in scena ancora una volta in un PalaSilvestri gremito come nelle migliori circostanze.

In attesa di inserire nel roster l’ultimo arrivato, Gennaro Sorrentino, poche ore prima del match il tecnico dei blaugrana perde per infortunio Leggio, che si sarebbe dovuto incaricare della marcatura del temuto Rinaldi. In avvio di gara il roster allestito dal diesse Pino Corvo parte contratto e va subito sotto (2-8), con la coppia Rossi-Rinaldi subito in evidenza. I padroni di casa, però, cercano di sfruttare il loro potenziale sotto le plance con la fisicità di Paci e il modo atipico (e per questo imprevedibile) di interpretare il ruolo da parte di Petrazzuoli. I blaugrana, con un buon contributo dalla panchina di Mennella e Bartolozzi, riescono a rimontare e il primo quarto termina in perfetta parità (15-15).

Il copione si ripete anche nel secondo periodo, con un gioco corale la squadra di coach Mascio allunga e la Renzullo LARS è costretta ad inseguire. Ogni volta che ritorna sotto nel punteggio, il team salernitano viene ricacciato indietro dai viaggianti. Con le bombe di Rinaldi, già in doppia cifra, e Paci già gravato di tre falli, gli ospiti vanno al riposo avanti 30-35.

Nel terzo periodo, dopo la consueta strigliata di coach Paternoster, la Virtus Arechi sembra trasformata e, tutto d’un tratto i problemi risolti. Nonappena, però, la squadra di casa ha la possibilità di mettere il muso avanti, ecco il quarto fallo di Paci e Venafro riscappa. Per oltre 3 minuti Salerno non trova la via del canestro e i molisani ne approfittano per arrivare al 30esimo minuto sul +11 (44-55).

Quando tutto sembra compromesso, però, trascinata dal caloroso pubblico amico la compagine cara al presidente Nello Renzullo getta il cuore oltre l’ostacolo e dà vita ad una rimonta incredibile. Venafro perde per falli Laguzzi e Gueye. Coach Paternoster nel finale rischia, schierando un quintetto inedito (con 4 piccoli e Bartolozzi sotto le plance) e la scelta si rivela azzeccata. I canestri di Petrazzuoli e Bartolozzi, le triple in successione di Di Prampero (fino a quel momento impreciso) e Babilodze, riportano in partita i blaugrana. Capitan Cucco torna in campo e a sua volta, in collaborazione con Paci, annulla il divario. Nel finale, con Paci fuori per falli, Venafro ha la palla della vittoria, ma Rossi viene contenuto ottimamente da Mennella e Salerno può far festa, pur sapendo di non aver giocato di certo la sua miglior partita stagionale.

RENZULLO LARS VIRTUS ARECHI SALERNO vs DYNAMIC VENAFRO

PARZIALI: 15-15; 15-20; 14-20; 27-15

Virtus Arechi Salerno: Paci 16, Bartolozzi 14, Petrazzuoli 12, Di Prampero 11, Cucco M. 9, Mennella 6, Babilodze 3, Datuowei, Beatrice, Leggio ne.

All. Paternoster

Venafro: Rinaldi 24, Rossi 9, Pagano 9, Tamburrini 8, Laguzzi 8, Minchella 8, Gueye 4, Carcillo ne, Pirozzi ne, Bandera ne, Sabetta ne.

All. Mascio

Arbitri: Mirko Di Franco e Vito Castellano

Note: presenti oltre 400 spettatori sugli spalti del PalaSilvestri; usciti per raggiunto limite di falli Paci (S), Laguzzi e Gueye                                                                                           

     Ufficio Stampa Virtus Arechi Salerno

       Michele Masturzo

          373/8224543

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

Il margine finale è ampio, ma la Sicoma ha comunque saputo vendere cara la pelle sul campo di Campli, dove Burini e soci hanno perso una sola volta in tutta la stagione. Momento molto positivo per la squadra di Millina, che non ha perso la testa quando è scivolata sotto anche di 10 lunghezze e ha saputo colpire con precisione chirurgica nei momenti caldi della partita.
 
Coach Schiavi schiera a sorpresa Filippo Speziali in quintetto, ottenendo dal giovane ponteggiano atletismo ed energia, con Meccoli fresco al momento di uscire dalla panchina. Ancora una volta è però la mano calda di Meschini ad aprire le ostilità, ben supportato dal capitano, mentre sull’altro versante i maggiori grattacapi arrivano dal post basso di Di Marco, che costringe Orlandi più volte Orlandi al fallo.
 
Valdiceppo condivide la palla in modo efficace in attacco, ma nella protezione della propria area ancora non riesce a trovare la necessaria solidità: Ponziani banchetta nel pitturato ricevendo profondo, ed anche il saldo dei rimbalzi è ampiamente deficitario. Tuttavia i ragazzi della presidentessa Gionangeli sono in partita, guadagnano un vantaggio interessante, ma lo dilapidano in un lampo con alcune leggerezze nella gestione della palla. Errori che si pagano a questo livello con avversari del calibro di Cantagalli o Serafini.
 
I padroni di casa sembrano aver preso il controllo delle operazioni dopo l’intervallo, ma la Valdiceppo non molla un centimetro, con la zona toglie fluidità alla manovra avversaria e si affaccia alla volata finale con una sola lunghezza da recuperare. Nel momento decisivo però Campli dimostra tutto il suo valore. E’ proprio Burini, poco prolifico al tiro, a portarsi nella inusuale posizione di post basso, dalla quale richiama l’attenzione di tutta la difesa ponteggiana pescando poi con precise assistenze prima Cantagalli e poi Bolletta che non sbagliano un colpo e piazzano il break decisivo. A chiudere il conto la schiacciata di un Serafini molto positivo, che sigla il più 12 e manda i titoli di coda.
 
Da segnalare a livello di prodezza individuale il canestro da oltre 20 metri realizzato da Joseph Mobio proprio sulla sirena del 3 quarto.
Sicoma dunque sconfitta, con alcuni segnali positivi da non sottovalutare ma certamente molto lavoro da fare in chiave soprattutto difensiva in vista del match casalingo di domenica prossima quando al PalaCestellini scenderà Nardò.
 
Campli Basket 81 – Val Di Ceppo Basket 67
Parziali: 19-17; 19-19; 18-18; 25-13
Campli Basket: Riziero Ponziani 18 (8/11, 0/0), Alberto Serafini 18 (4/7, 2/2), Luca Bolletta 16 (3/5, 3/5), Gianluca Di carmine 14 (5/11, 0/0), Gianni Cantagalli 13 (2/3, 2/7), Simone Angelucci 2 (1/1, 0/1), Federico Burini 0 (0/0, 0/3), Valerio Miglio 0 (0/0, 0/2), David Petrucci 0 (0/0, 0/2), Pancrazio Alleva 0 (0/0, 0/1), Matteo Converso 0 (0/0, 0/0) – All Millina
Val Di Ceppo Basket: Umberto Meschini 19 (3/5, 3/8), Edoardo Casuscelli 14 (1/2, 4/7), Matteo Orlandi 11 (3/5, 1/2), Meccoli filip Metejka 9 (2/4, 1/4), Yantchoue joseph Mobio 8 (1/3, 2/3), Alessandro Panzieri 4 (1/5, 0/1), Filippo Speziali 2 (1/1, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/1, 0/0), Lorenzo Righetti 0 (0/0, 0/0), Riccardo Burini 0 (0/0, 0/1), Riccardo Rombi 0 (0/0, 0/0)- All Schiavi

.

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.

 

Vittoria e primato in classifica al termine del girone d'andata per la Co.Ad Pozzuoli. La formazione flegrea espugna per 73-86 il Palafinamore di Sarno e complice la sconfitta della capolista San Nicola Basket Cedri l'agguanta in testa alla classifica. Una partita quella giocata contro la formazione salernitana dove ancora una volta ha brillato il gruppo guidato dal tecnico Mauro Serpico. I bianco-granata chiudono alla fine con sei uomini in doppia cifra conducendo sempre avanti i quattro parziali di tempo. In evidenza le prove di Longobardi dal perimetro ma anche e soprattutto di Simeoli e Innocente che sono riusciti a tenere bene sotto canestro la fisicità di Kalanj, giocatore di grande levatura tecnica della squadra di Sarno. Pozzuoli parte bene grazie ai punti di Errico e Caresta anche se i padroni di casa sospinti da Kalanj e Dunjic riescono a portarsi avanti. Nel finale di tempo è un gioco da tre punti di Simeoli a consentire ai flegrei di chiudere avanti al 10' (18-19). Nel secondo quarto il match continua ad essere equilibrato anche se Cvijic da del filo da torcere ai puteolani in difesa. Pozzuoli trova tre bombe nel momento più delicato della partita e portata per mano da Longobardi chiude a più cinque a metà partita (42-47). Nel terzo parziale arriva il break per la Co.Ad. che le consente di dare uno strappo al match. Sono Simeoli ed Errico a fare la voce grossa anche se coach Serpico deve centellinare i minuti dei propri giocatori visti i tanti falli a proprio carico. Pozzuoli riesce a chiudere 57-65 al 30'. Negli ultimi dieci minuti i flegrei gestiscono il vantaggio e con Innocente e Orefice accumulano altri punti che gli consentono alla fine di vincere 73-86.

INTERVISTE "Abbiamo vinto una partita difficile su un parquet molto ostico contro una squadra giovane - ha spiegato a fine partita coach Mauro Serpico -.Kalanj ha dimostrato ancora una volta di essere di categoria superiore. Sono contentissimo perché abbiamo chiuso il girone d'andata con una sola sconfitta e non possiamo che essere soddisfatti di questo. Mi sono un po' arrabbiato nei primi due quarti per i giochi offensivi. Avevamo preparato la partita sulla velocità ma non siamo riusciti a portare gli schemi a termine e spezzavamo tutti i giochi con tiri non in equilibrio. Innocente? Ha 44 anni sulla carta d'identità però per me ne ha dieci di meno perché lo dimostra per la grinta, la voglia e il cuore che ci mette in ogni partita. E' un esempio per i più giovani. Abbiamo fatto tredici vittorie consecutive e siamo in testa alla classifica. Ci speravamo e volevamo esserci. Già da martedì pensiamo alla prima di ritorno di sabato. Simeoli? Roberto è un atleta che fa la differenza e ha i suoi tempi. Sa bene come gestire il match ed è per noi fondamentale come lo sono tutti del roster. Alla fine sia lui ma anche Orefice che nell'ultimo parziale ha fatto nove punti di fila. E' la dimostrazione che abbiamo un gruppo unito e forte, orgoglio per me allenarli perché hanno sempre fame di vincere".

BASKET SARNO 73 - CO.AD. POZZUOLI 86

Basket Sarno: Milinkovic 9, Falco 13, Lalic ne, De Matteis ne, Passacantilli 5, Sretenovic 4, Dunjic 7, Robustelli ne, Cvijic 19, Nappo ne, Kalanj 16. All. Vidak

Co.Ad. Pozzuoli: Caresta 10, Conforto 2, Di Domenico, Dimitrov 12, Errico 14, Innocente 9, Longobardi 15, Orefice 12, Simeoli 12, Ajayi ne, Iaccarino ne. All. Serpico

Arbitri: D'Aiello di Caserta e Santonastaso di Maddaloni

.

 
Effettua una libera donazione al portale www.campaniabasket.it, con il tuo contributo potrai garantire l'aggiornamento continuo e l'arricchimento ulteriore di foto scattate sui campi di basket.